Archivio della sezione 'Tempeh'

Tempeh pizzaiolo

Scritto da il 29 Nov 2007 | Tempeh

tempeh_pizzaiola.jpg

Il tempeh è un altro alimento fermentato della cucina macrobiotica, è molto più digeribile rispetto ai fagioli di soia con i quali è preparato. La fermentazione avviene in seguito alla cottura e all’aggiunta di un particolare fungo, il Rhizopus oligosporus che arricchisce di enzimi e moltissime proprietà nutritive. Molto ricco di proteine è utilizzato come “carne” vegetale insieme a verdure o cereali, qui potete trovare tutti le caratteristiche e i dettagli della preparazione.
Solitamente il tempeh viene stufato nelle minestre, fritto o saltato nel wok ma in questo caso ho fatto una preparazione simile al tofumaggio, ho ricoperto il panetto con uno strato di miso di orzo e ho fatto riposare in frigo per tre giorni. Con questa seconda fermentazione il tempeh si è ammorbidito, ha cambiato sapore diventando molto più saporito, ottimo anche da mangiare da solo o a cubetti nelle verdure.

Dopo averlo portato a temperatura ambiente o leggermente scaldato per non distruggere gli enzimi ho tagliato a cubetti e ricoperto con il mio concentrato aromatico di pomodoro. Buono da solo ma ideale con verdure e nelle insalate.

Start Slide Show with PicLens Lite PicLens

1 comment for now

Tempeh all’ umeboshi

Scritto da il 22 Feb 2007 | Alghe, Tempeh

 tempeh

L’aspetto non è dei più coloriti ma sicuramente potrete apprezzare una grande varietà di sapori e gustare diverse sfumature! Il tempeh è un prodotto della soia come il tofu, il sapore è molto più caratteristico e si sposa ottimamente con alghe e verdure, il valore nutrizionale è caratterizzato dall’alto valore proteico (più di 20g per 100g di prodotto) e sebbene sia meno versatile del tofu permette piatti molto saporiti nei quali si sente ancora il gusto originale del fagiolo di soia. Ho già altre ricette che prevedono il tempeh ma per la prima volta ho marinato le fettine in acqua e aceto di umeboshi che ormai uso molto spesso. La preparazione richiede poco tempo e basta ricordare di fare a fettine il tempeh e marinarlo per almeno 6 ore prima di cuocerlo. Le alghe wakame si prestano a contrastare il sapore deciso e saporito, la consistenza deve essere tenera, le foglie elastiche e di un verde scuro. Volendo esagerare ho aggiunto dei pinoli per completare ma l’ideale sarebbe del gomasio o dei semini di sesamo.

Per 2 persone
– 150g (1/2 panetto) di tempeh
– 80g di alghe wakame secche
– 300g di cavolfiore
– 1 cucchiaio di alghe nori verdi in fiocchi 100ml di acidulato di umeboshi
– 1 cucchiaio di tamari
– 1 cucchiaio di olio extra di oliva
– 20 pinoli o sesamo

Marinare per 6 ore il tempeh a fettine di circa 5mm in 2 parti di acqua e una di acidulato di umeboshi, a parte reidratare le alghe per 15-20 min e lavare velocemente. Scaldare una padella antiaderente o il wok con un filo di olio e una piccola parte della marinatura, cuocere il tempeh e le alghe a fuoco medio coprendo la padella. Dopo 10min aggiungere il cavolfiore che deve solo scottarsi e rimanere croccante, bagnare con qualche goccia di tamari e continuare la cottura per altri 5-10min sempre con il coperchio. Servire le fettine ben colorite insieme alle verdure e insaporire con abbondante alga nori in fiocchi, a voi la scelta azzardata dei pinoli o del più tradizionale gomasio!

Tecnorati tags: , ,

Start Slide Show with PicLens Lite PicLens

6 comments for now

Club del wok: tempeh e germogli

Scritto da il 01 Sep 2006 | Tempeh

tempeh_soia_0.jpg

Per la mia seconda ricetta per il Club del wok ho preparato questo tempeh aromatico con germogli di soia (adzuchi verdi). Il tempeh è un’ottima fonte proteica ed è più digeribile dei fagioli di soia cotti, si può preparare in moltissimi modi ma come al solito ho preferito una ricetta non troppo elaborata partendo da una marinatura che ammorbidisce il leggero retrogusto amaro che può avere il tempeh.

30 min

– 150g tempeh (1/2 panetto) per una porzione
– 3-4 peperoni rossi piccoli rotondi (anche quelli normali vanno benissimo)
– 1/2 cipolla rossa
– 100g di germogli di soia
– 1/2 limone
– 1/2 cucchiaino di cumino
– 1/2 cucchiaino di curry forte
– 50ml di tamari o salsa di soia
– olio extra di oliva
– gomasio qb

Preparare la marinatura con metà parte di acqua e il rimanente con tamari e succo di limone, aggiungere il cumino e il curry, tagliare il tempeh a fettine di mezzo centimetro e lasciar marinare in un contenitore chiuso per almeno mezza giornata. Scaldare il wok (o una padella antiaderente) e cuocere i peperoni aggiungendo un poco del liquido di marinatura, dopo 10-15 min aggiungere un filo di olio, le fettine di tempeh che devono scurirsi per altri 10min e la cipolla tagliata non troppo sottile. In fine quando il liquido di marinatura è quasi totalmente evaporare aggiungere i germogli che devono solo appassirsi e continuare la cottura per altri 2min senza mescolare troppo.
Servire spolverando del gomasio o dei semi di sesamo tostati.

Start Slide Show with PicLens Lite PicLens

2 comments for now

Polpette di tempeh

Scritto da il 11 Aug 2006 | Tempeh

tempeh polpette 

Il tempeh è un altro importante prodotto della soia, i semi sono lessati e compattati per formare dei panetti lasciati fermentare, il risultato è un alimento più digeribile e nutrizionalmente più ricco. Vedi la descrizione e la preparazione dettagliata >>> Tempeh
Ha un gusto particolare e ben definito che si avvicina molto ai semi di soia al naturale, si può consumare così com’è ma personalmente preferisco marinarlo con salsa di soia e cuocerlo insieme alle verdure per insaporirlo. Per questa ricetta invece di presentarlo nelle classiche fettine ho preferito delle polpette con contorno di melanzane e peperoni, cotte a lungo per ridurre lo yin delle solanacee che in ogni caso sarebbero da limitare.

15 min

– 1/2 panetto di tempeh da 300g
– 1/2 cipolla rossa
– 1 mazzetto di erba cipollina fresca
– 2 cucchiai di germe di grano
– 2 cucchiai di fiocchi di avena piccoli
– 1 ciotola di pan grattato
– olio extra di oliva qb
– semi di sesamo
– rosmarino
– sale marino

Ridurre a pezzetti il tempeh e la cipolla, sminuzzare l’erba cipollina ed eventualmente uno spicchietto di aglio, frullare insieme e aggiungere germe di grano e avena fino ad ottenere un composto morbido. Impastare a mano e aggiungere del pan grattato per rendere più compatto fino a formare delle piccole polpette leggermente schiacciate. Passare le polpette nella ciotola di pan grattato e cuocere in una padella con un filo di olio per 10min, rigirando le polpette per dorare entambi i lati.
Servire cospargendo di rosmarino secco o semi di sesamo e un filo di olio a crudo.

Start Slide Show with PicLens Lite PicLens

7 comments for now