Risofragola

Scritto da il 28 Apr 2008 | Cereali, Dolci

Riso fragola

Venerdì pomeriggio Elisa mi manda un sms con il sontuoso menù della cena che avrebbe preparato la sera stessa ai suoi ospiti, mi chiede il parere e tutto felice di poter fare i complimenti le consiglio un dessert molto semplice a base di crema di riso e fragole.  Ho pensato  del famoso risotto alle fragole e ho mediato con una crema di riso aromatizzata con sciroppo d’acero.

Risofragola per 4:

– 180g di riso di riso tondo o fino (bianco o meglio integrale)
– 400ml di latte vegetale (di riso, farro, miglio ma anche soia)
– 5 cucchiai di sciroppo  d’acero
– 15 fragole mature
– 1/2 cucchiaino di vaniglia bourbon in polvere
– 30ml di panna di soia (facoltativo)
– 2 foglie di menta

Cuocere il riso per 20min nel latte vegetale a fuoco basso aggiungendo acqua quanto basta per evitare che risulti troppo denso e pastoso a fine cottura. Mescolare continuamente e aggiungere a fuoco spento lo sciroppo d’acero la vaniglia e volendo la panna (di soia per i vegani) per un risultato più cremoso. Frullare il riso qualche secondo con il mixer ad immersione per rendere più cremoso senza però rendere del tutto omogeneo, alla fine si dovranno distinguere i chicchi di riso.  A parte schiacciare le fragole o passarle con il frullatore e aggiungerle solo ad una metà della crema ottenuta, alla seconda metà si può aggiungere altro sciroppo d’acero con vaniglia. Versare nelle coppette la crema di due colori e far riposare i frigo per almeno un’ora. Due foglie di menta fresca come tocco finale.

Start Slide Show with PicLens Lite PicLens

12 commenti per adesso...

12 Responses to “Risofragola”

  1. Fantastica ricetta: il quasi budino di riso da solo è proprio buono, ma le fragole aggiungono quel poco di acidità che non guasta!

    28 Apr 2008 at 12:42 pm

  2. un delizioso dessert…da provare…complimenti
    Annamaria

    28 Apr 2008 at 3:54 pm

  3. Ciao e che bel dolce!
    non l’ho mai fatto è proprio da provare e i colori sono bellissimi!
    A presto Carla di lettoemangiato

    28 Apr 2008 at 4:55 pm

  4. wow, che meraviglia, questo me lo faccio di sicuro domani! Con il caldo di questi giorni mi sembra la scelta ideale! Complimenti! :-)

    28 Apr 2008 at 10:33 pm

  5. mmmm golosissimo! fresco e neanche grasso :))

    29 Apr 2008 at 12:44 pm

  6. Ciao,

    che bello…appena arrivano le fragole lo preparo di sicuro, visto che di dessert con il riso non ne ho quasi mai preparati.

    un saluto

    marta

    01 May 2008 at 11:17 am

  7. Annuccia

    Grazie Mattop, ho preparato questo dolce sano ieri sera, è stato un dono da mangiare in due :)
    un abbraccio
    anna

    02 May 2008 at 11:52 am

  8. mi piace moltissimo!

    02 May 2008 at 8:11 pm

  9. Idea originale e non eccessivamente calorica………….mi piace pensarlo………..chissà, però mi stuzzica molto.Complimenti, ciaooo!
    P.S.vaniglia bourbon…..dove? grazie.

    05 May 2008 at 4:22 pm

  10. La vaniglia bourbon è quella in bacche, io la trovo anche in polvere marca Rapunzel nei negozi di articoli biologici.
    Però anche all’esselunga si trova…

    05 May 2008 at 5:11 pm

  11. Flavia

    Ciao e grazie per tutte le fantastiche ricette e foto che ci sono su questo sito.
    Il risofragola però mi ha lasciata un po’ perplessa, l’ho preparato l’altra sera. Ho usato il riso integrale, e siccome avevo fretta l’ho cotto nel latte di riso in pentola a pressione, mezz’oretta. Poi ho aggiunto 3 soli cucchiai di sciroppo d’acero e aroma di vaniglia, ma aveva un saporaccio!!! boh, il mio ragazzo se l’è spazzolato, ma a me, che adoro riso, latte di riso e sciroppo d’acero non convinceva proprio. Che ne so, era troppo dolce ma con un retrogusto amaro…. la parte con le fragole appena appena meglio. Avrò sbagliato qualcosa?

    12 May 2008 at 10:41 am

  12. L’amarognolo è tipico dello sciroppo d’acero, a me piace proprio così! Forse hai esagerato con la vaniglia che è molto amara… Se è troppo dolce usa latte di altro cereale o al limitwe di soia.

    12 May 2008 at 11:39 am

Trackback URI | Comments RSS

Leave a Reply